Forum

Il capitale nel nostro secolo: Harvey su Piketty


Autore Messaggio
Scritto il: 10. 06. 2014 [06:48]
michelenani
Creatore dell'argomento
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 46
Sta facendo discutere in tutto il mondo il libro del 43enne economista francesce Thomas Piketty sul "Capitale nel XXI secolo" (tradotto in inglese e portoghese e immagino presto anche in italiano). Ne han dato conto anche diversi giornali italiani (basta una ricerca in rete per trovare i testi). Commonware presenta ora la traduzione di un intervento critico del grande geografo David Harvey, che ripropone il problema del lavoro alle origini della valorizzazione capitalistica e dunque delle vere radici dell'ineguaglianza del reddito e della polarizzazione sociale. Vedi: http://www.commonware.org/index.php/neetwork/373-su-capital-piketty
Scritto il: 25. 11. 2014 [22:52]
stefanogallo
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 23
In effetti la cosa che lascia perplessi nel libro di Piketty, che trovo estremamente utile e ben fatto, è l'impressione che lascia di una sorta di naturalità di alcune costanti economiche nel tempo. La cosa è paradossale visto che l'assunto di base del libro è il rifiuto di mettere le teorie davanti ai fatti e l'affermazione di basarsi sulle serie storiche di alcuni dati economici per trarne deduzioni. Ma se le serie storiche 'dicono' che il rapporto capitale/lavoro è analogo nel mondo di fine '800 come lo è nel mondo d'oggi, come se fosse determinato da qualche legge naturale, cosa dobbiamo dedurne? Che solo eventi disastrosi, come le guerre mondiali, hanno potuto cambiare l'ordine delle cose? In tutto questo, i soggetti, il lavoro organizzato, i movimenti dei lavoratori, che ruolo rivestono? In ogni caso, il libro di Piketty ha il pregio di portare davvero dei contributi di riflessione di grande interesse.
Scritto il: 19. 02. 2015 [15:07]
stefanogallo
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 23
Segnalo questo intervento, apparso sul sito francese «la vie des idées»:
http://www.laviedesidees.fr/Le-Pouvoir-aux-Piketty.html
Scritto il: 05. 03. 2015 [10:52]
michelenani
Creatore dell'argomento
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 46
Anche gli storici discutono Piketty: l'ultimo "Social History" apre l'annata 2015 con un intervento critico di Jim Tomlinson (storico economico a Glasgow: http://www.gla.ac.uk/schools/socialpolitical/staff/jimtomlinson/):
http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/03071022.2014.993147#abstract
Scritto il: 03. 04. 2015 [20:06]
stefanogallo
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 23
Segnalo anche la recensione critica di Giovanni Gozzini sull'ultimo numero di «Passato e presente» (94, 2015), dal titolo "Capitalismo e ineguaglianza: note in margine a Thomas Piketty"
Scritto il: 17. 05. 2015 [20:58]
stefanogallo
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 23
Altri due articoli che discutono criticamente il libro di Piketty.

Uno su book&ideas:
http://www.booksandideas.net/Stay-classy-Piketty.html

L'altro su Le Monde Diplomatique:
http://www.monde-diplomatique.fr/2015/04/LORDON/52847
il testo integrale si può trovare qua: http://toutsurlachine.blogspot.it/2015/03/avec-thomas-piketty-pas-de-danger-pour.html

Di sicuro non sta mancando il dibattito…
Scritto il: 12. 10. 2015 [15:27]
stefanogallo
registrato da: 27.02.2014
Messaggi: 23
Continuo a segnalare le discussioni su Piketty…
Su La vie des idées si trova una delle rassegne critiche più informate:
http://www.laviedesidees.fr/Le-patrimoine-au-XXIe-siecle.html