Dettaglio notizia

Lo sport ed il movimento operaio socialista, «L'Almanacco», n.59 (2012)

|   Letture

Curato da Marco Fincardi, «L'Almanacco» propone un numero frizzante ed originale. Uno sguardo interessante sulla concezione sportiva dell'universo socialista e sulla valenza comunitaria relegata alle attività del dopo lavoro.

Recuperando un filone di studi aperto timidamente negli anni Settanta, il numero 59 de «L'Almanacco» (2012) propone con un taglio estremamente rigoroso uno studio a più voci sull'associazionismo sportivo nel movimento operaio socialista. Curato da Marco Fincardi, il volume muove da una discussione (avviata da Felice Fabrizio) già matura per «individuare e distinguere tendenze integrative o oppositive all'interno di questo settore della sociabilità popolare»; a prevalere risulta l'analisi intera all'Italia liberale, senza comunque eludere un accurato salto nel secondo dopoguerra grazie all'articolo di Leo Goretti su "Sacrifici, sacrifici, e ancora sacfrifici". Sport, ideologia e virilità sulla stampa comunista (1945-1956). Un campo complessivamente interessante e pronto a ricevere ulteriori impulsi anche per ciò che concerne l'edificio repubblicano: d'altronde, nel suo Storia dell'Italia liberale (1997), già  Silvio Lanaro aveva voluto inserire alcune acute osservazioni sul crescente impatto politico e sociale del ciclismo e del calcio. 

Ps: in allegato il PDF del numero. 

 

 

 

Indietro