Le libertà del lavoro. Storia, diritto, società, a cura di Laura Cerasi (dicembre 2016)

In questo secondo quaderno delle edizioni SISLav vengono pubblicati alcuni dei materiali presentati durante il primo convegno della Società, Dal punto di vista del lavoro, tenuto a Bologna il 12-14 dicembre 2013, in collaborazione con la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e il Dipartimento Storia Culture Civiltà dell’università felsinea, e con il sostegno di Regione Emilia-Romagna e Spi-Cgil (http://www.storialavoro.it/chi-siamo/ convegno-2013/). Intento del convegno, in linea con gli indirizzi della Società costituita nell’ottobre dell’anno precedente, era avviare una larga ricognizione dello stato degli studi di storia del lavoro in Italia, in un raggio ampio sia in senso cronologico che disciplinare, per individuare i temi e i cantieri di ricerca in corso, alla cui valorizzazione la Sislav intende concorrere.

Si è trattato di un convegno denso e ricco di contributi diversi; la Lectio di Carlo Galli (Il lavoro nelle tradizioni politiche moderne: bilancio e prospettive) ha dato più di uno spunto di riflessione; le sessioni tematiche (Molteplicità delle relazioni di lavoro e processo di mercificazione; Fuori dal lavoro: i lavoratori come gruppo sociale; Le rappresentazioni dei lavoratori; Lavoro e istituzioni; Lavoratori e lavoratrici: organizzazioni e conflitti; Fare storia del lavoro oggi: questioni, metodi, prospettive), hanno coperto una traiettoria diacronica e una vastità di soggetti che hanno dato il segno di quanto l’attuale ripresa degli studi sul lavoro stia mostrando grande vivacità 

anche nel contesto italiano. Nonostante l’enorme difficoltà in cui si trova la ricerca, accademica e non, soprattutto quando mossa da intenti di conoscenza libera e non condizionata dalle politiche di mortificazione della cultura attuate dai governi degli ultimi anni.

Il quadro vitale e promettente risultato dal convegno non ha tuttavia potuto comporsi allora in una pubblicazione unitaria, e molti materiali si sono disseminati in sedi diverse: le forze della neocostituita Società – che, occorre ricordare, si regge esclusivamente sul contributo delle quote associative – non consentivano ancora un impegno per la diffusione che invece ora, con la nascita delle edizioni SISLav nel dicembre 2015 (http://www.storialavoro.it/edizioni/), e il varo del premio SISLav può iniziare ad essere rispettato.

Si sono perciò riuniti alcuni testi, prevalentemente appartenenti al panel Lavoro e istituzioni curato da Laura Cerasi, Giulio Mellinato e Paolo Passaniti, per il fatto di essere integrati in una prospettiva di indagine, che ricerca i momenti e i nodi di intersezione fra lavoro, istituzioni e società in prospettiva storica e problematica. I testi di Cerasi e Passaniti, che rispettivamente aprono e chiudono la raccolta, intendono per l’appunto richiamare l’intento originario del dialogo fra discipline che ha mosso l’organizzazione dell’incontro del 2013, e costruire un percorso di lettura fra i contributi (di Maria Grazia Meriggi, Monica Stronati, Maria Luisa Pesante, Antonio Loffredo, Valentina Fava e Ilaria Pavan), ciascuno dei quali presenta una prospettiva originale di ricerca e lavoro, e apre a sviluppi ulteriori, che sono l’obiettivo della Società e di questo volume.

 

PER SCARICARE GRATUITAMENTE IL LIBRO, CLICCA QUI.