Lavoro libero e non libero

 

Lo studio delle diverse relazioni di lavoro e delle loro interconnessioni è un tema chiave all’interno della storia del lavoro, effettivamente globale nella sua portata e adatto ad analisi di lungo periodo. Il confronto attorno alla concettualizzazione del lavoro “libero” e “non libero”, e sulla opportunità stessa di una netta demarcazione “libero”/”non libero”, ha stimolato uno dei dibattiti internazionali più vivaci all’interno del campo della storia del lavoro nel corso degli ultimi decenni. La questione ha inoltre un’importanza fondamentale per comprendere la società attuale, sia rispetto alla crescente precarietà del lavoro, sia in relazione all’emergere di nuove forme di lavoro forzato.

 

Numerosi studiosi e studiose italiani o comunque attivi in Italia sono impegnati in questi dibattiti e/o in ricerche su singole relazioni di lavoro – la schiavitu’, il lavoro salariato, il lavoro forzato dei detenuti e quello indotto da situazioni di indebitamento (debt bondage), il lavoro a contratto (indentured work) e quello domestico e il reclutamento forzato nelle forze armate.

Su questa base proponiamo la costituzione di un gruppo di lavoro su “Lavoro libero e non libero” all’interno della SISLav per creare occasioni di scambio e di cooperazione tra quei ricercatori e ricercatrici che studiano le relazioni di lavoro e sono particolarmente interessati a riflettere sulla concettualizzazione delle loro molteplici connessioni, in qualunque periodo e luogo e a qualunque scala. Il gruppo è aperto a studenti/studentesse, dottorandi/dottorande, ricercatori/ricercatrici precari o strutturati, docenti e disoccupati della ricerca. È altresì aperto ad ambiti disciplinari molteplici, quasi la storia, l’antropologia, le scienze sociali ed economiche e ogni ambito che possa contribuire alla riflessione sul nostro tema comune.

All’interno di questa cornice ampia, ci pare di poter individuare quattro possibili obiettivi del costituendo gruppo.

In primo luogo, vorremmo procedere ad un censimento del campo di studi, condividendo le informazioni relative a singoli e gruppi che stanno facendo ricerche relative ad esso, ai luoghi istituzionali in cui ciò avviene, ai temi specifici che sono oggetto di queste ricerche e alle pubblicazioni già esistenti e in corsi di preparazione. Ritenendo utile iniziare questo censimento a partire dai membri stessi del gruppo, abbiamo pensato il questionario allegato, le cui informazioni potranno essere raccolte in un data-base riservato ai membri o di libero accesso.

In secondo luogo, il gruppo dovrebbe divenire un luogo di scambio di sapere e un forum di discussione sulle distinte forme di relazioni di lavoro, sui modi in cui sono (e sono state) concettualizzate, e sulle loro reciproche connessioni. Vari strumenti potranno concorrere a questo obiettivo: la circolazione di Call for Papers e notizie su conferenze, sessioni, seminari e pubblicazioni, eventualmente attraverso una newsletter (o blog) del gruppo e l’uso del sito della SISLav; l’organizzazione di seminari, sessioni, conferenze, presentazioni di libro e altri eventi pubblici; l’apertura di una pagina su piattaforme digitali (ad es. academia.edu) per la rapida circolazione di call for papers, abstracts e pubblicazioni relative alle attività del gruppo o di suoi singoli membri.

In terzo luogo, riteniamo che il gruppo possa divenire un luogo di elaborazione di pubblicazioni e progetti collettivi, sia in Italia che all’estero e sia in italiano che in altre lingue.

Infine, benchè il gruppo sia formato da italiani (residenti o meno in Italia) e da non-italiani attivi in Italia, la cooperazione continua con analoghi gruppi e reti in altri paesi ci sembra assolutamente indispensabile.